C’è Campo

Sabato 28 novembre 2020 ad Arvaia si è celebrata la Festa degli Alberi che ormai da 5 anni si ripete ad ogni fine novembre. Sono ormai state piantate più di 5000 piante di essenze autoctone che fanno più ricco e bello il paesaggio dell’area agricola di Villa Bernaroli con nuove siepi e i filari di alberi a lato dei campi coltivati.

Grazie al volontariato e alla consegna gratuita delle piante da parte della Regione ER, anche quest’anno sono stati messi a dimora 50 alberi e 45 arbusti per rimpiazzare quelli che non sono riusciti ad attecchire negli anni passati, e che sono una minima parte tra tutti quelli piantati negli anni precedenti.

Gli alberi di quest’anno sono aceri campestri, carpini bianchi, ciliegi selvatici, frassini, tigli, noci e bagolari. Gli arbusti sono sanguinelli, fusaggini, frangole.

Il nostro metodo per piantare piccoli alberi e arbusti è molto semplice: si prendono piante piccole di un anno o due da vivaio, in vaso o a radice nuda, si mettono nel terreno in una buca che si scava a mano con la vanga e si lasciano crescere naturalmente in modo che si adattino all’ambiente. Dopo qualche anno si vedono già  le nuove piante che, quando hanno sviluppato un adeguato apparato radicale, si sviluppano in altezza e fanno godere della loro bellezza di fiori, foglie e frutti sia gli umani sia gli animali che li incontrano.

Articolo precedente
C’è campo
Articolo successivo
Come si pianta un albero? Un mini corso ad Arvaia
Nessun risultato trovato.