Pasta madre condivisa

Soci e socie che vengono a ritirare al campo possono trovare in frigo un boccaccio di pasta madre che Laura ha messo in condivisione. Chi ne vuole un pochino venga al campo munito di barattolo di vetro per prendere autonomamente un paio di cucchiai che sono sufficienti per avviarla, senza dimenticare chi viene dopo. Il cucchiaio e le indicazioni generali le troverete affisse davanti alla porta del frigo.

Quella messa in condivisione è una pasta madre da tenere cremosa e ben idratata, perciò oltre alla farina ricrdarsi di
aggiungere un po’ di acqua, meglio se con poco cloro.

Come la rinfresco ovvero come la nutro? Attualmente mangia farina integrale di grani
antichi ma se abituata può mangiare anche altri tipo di farine integrali
o semi integrali come farro, senatore cappelli, segale. Ecco, per la
segale io consiglio di fare un vasetto a parte, specifico, da nutrire
solo con segale e da utilizzare in un mix di farine dove c’è anche della
farina di grano tenero. La farina di grani antichi non la fa crescere
molto, quindi non si vedranno delle grandi bolle, importante è che si
noti un aumento del volume e che la pasta madre aperta faccia un buon
odore di pane, un po’ dolciastro. Se odora di aceto o acidulo,
probabilmente deve essere rinfrescata o usata più spesso, perciò niente
panico, io solitamente la lavo ovvero faccio colare via l’acqua vecchia
che solitamente si separa sopra all’impasto (se diventa di colore scuro
non è un problema perchè funge da filtro e protegge la pm sotto), ne
metto di nuova che poi ritolgo e ne aggiungo un altro po’ per rendere
fluido il cucchiaio di farina che gli do’ da mangiare. Aggiungo acqua e
farina a piacere finchè non prende consistenza cremosa. La lascio fuori
frigo per mezza giornata almeno, con tappo svitato e appoggiato per
evitare che entri polvere e se la uso per fare il pane mi premuro di
lasciarne sempre due dita sul fondo del barattolo per rinnovarla.
All’inizio è bene rinfrescarla spesso, ogni due giorni, e se non la si
usa subito la si può riporre in frigo a tappo chiuso, dove si conserva
per qualche giorno senza problemi.

Articolo precedente
Vendita diretta giovedì 23 e venerdì 24 aprile
Articolo successivo
Riprende il mercato di Villa Bernaroli
Nessun risultato trovato.