I rischi condivisi nella CSA

Essere parte di Arvaia e supportare il meccanismo della CSA significa condividere i rischi e i benefici della produzione, distribuendo sulla comunità e sui singoli soci i costi, le energie, perdite ed eccedenze. Come quest’anno i benefici condivisi sono stati molti e ci hanno permesso di condividere l’abbondanza di alcuni prodotti che sono stati lasciati in anche autoraccolta (piselli, camomilla, frutta, zucchine,cime di rapa, pomodori etc..), abbiamo registrato alcuni esempi di produzione collettiva che sono sfociati in mancati raccolti. Quest’anno purtroppo a causa delle condizioni climatiche avverse infatti , dovremo rinunciare ad alcuni prodotti trasformati che avevamo previsto di raccogliere e distribuire.

A causa delle avversità climatiche, alcune colture regolarmente pianificate e per le quali la cooperativa ha sostenuto gli investimenti previsti (in termini di lavorazioni, materiali, lavoro) non hanno avuto la possibilità di dare i propri frutti.

Il meccanismo della CSA (Comunità che Supporta l’Agricoltura) che ispira la nostra cooperativa è pensato proprio per ridistribuire sulla collettività le carenze o l’abbondanza del prodotto. Nei casi in cui il raccolto è stato nullo per condizioni esogene e non direttamente controllabili (condizioni climatiche), come i casi del girasole e del grano saraceno, soci e socie si fanno carico degli investimenti effettuati senza ricevere alcun prodotto in cambio, così come previsto dal patto di sottoscrizione della fornitura.

In altri casi, dove la povertà del raccolto si somma a errori di valutazione effettuati all’atto della pianificazione della fornitura del prodotto, come per il miele e la passata di pomodoro, soci e socie del gruppo distribuzione hanno  optato per una forma di compensazione dei prodotti (miele) o di integrazione delle quantità distribuite (passata di pomodoro).

L’anno in corso è il primo in cui tutti/e noi ci cimentiamo con la fornitura pre-finanziata dei trasformati, ed è comprensibile data la natura sperimentale sperimentale dell’attività che si manifestino aree di miglioramento che saranno presidiate per perfezionare i meccanismi di pianificazione colturale e di distribuzione dei prodotti. Supportare le CSA significa anche accogliere e condividere i rischi correlati ai fisiologici errori di crescita e strutturazione dati dall’innovazione del progetto in cui, sperimentando il cambiamento, queste occasioni rappresentano opportunità in cui aggregarsi e collaborare in modo più consapevole e attento.

Il gruppo distribuzione rimane a disposizione per chiarimenti e per rispondere a domande al numero 371 3313974 o a distribuzione@arvaia.it

Articolo precedente
Assemblea soci e socie 26 ottobre 2019
Articolo successivo
Nuovi boschi nella campagna bolognese
Nessun risultato trovato.
Menu