C’è campo

Stiamo ‘completando l’impianto del frutteto con la messa a dimora dei rimpiazzi delle piante morte e l’acquisto di pali di sostegno, ancore e fili di ferro per i piccoli frutti e le viti da tavola. L’investimento previsto per quest’anno è di circa 2000 euro
Avvieremo la prossima settimana l’innesto di peschi, albicocchi, prugni e ciliegi. Ci siamo procurati a costo zero le marze (i rami necessari) privilegiando la scelta di varietà rustiche, resistenti alle malattie, che possano avere buona riuscita nei nostri terreni  piuttosto che la resa commerciale tout court e programmando una raccolta il più possibile scalare che alterni le diverse qualità di frutta nel progredire dell’estate.
Meli e peri sono invece ancora troppo piccoli per l’operazione, che rimandiamo all’anno prossimo.
Abbiamo seminato piselli, rucola e ravanelli, e senape rossa, che manca da qualche anno ma che riscopriremo volentieri la prossima primavera,  per variare un po’ la dieta dell’inizio della bella stagione.
Stiamo scegliendo le varietà di pomodoro da salsa e da mensa cercando di ridurre i picchi di produzione  a favore di una produzione più costante fino alla fine dell’estate e di provare varietà con una maturazione più regolare.
Ultimata la preparazione dei tunnel che ospiteranno le prime zucchine, le melanziane, i pomodori e i meloni.

Ci servono entomologi volontari per proseguire il lavoro di ricerca e censimento degli insetti presenti nei nostri campi, cominciato l’anno scorso e presentato lo scorso 19 gennaio presso la biblioteca di Borgo Panigale. Scrivete a soci@arvaia.it e vi metteremo in contatto con Enrico, che sarà felice di darvi tutte le informazioni relative e di arruolarvi sul campo.

Articolo precedente
Auguri a Semi di comunità
Articolo successivo
Asta chiusa e budget coperto!
Nessun risultato trovato.