Arvaia buongustaia

Se ancora non l’avete provato è proprio venuto il momento: tra poche settimane, sarà disponibile il miglio di Arvaia del nuovo raccolto. Dire bene del miglio è sin troppo facile: Facilmente digeribile, ricco di Sali minerali (per citarne alcuni: ferro, magnesio, silicio, potassio, calcio), fornisce un ottima quantità di carboidrati e una discreta dose di aminoacidi (future proteine) facilmente assimilabili, contiene vitamine del gruppo B, A, E, non contiene glutine, grazie alla presenza di acido silicico è un grande alleato di pelle, denti, capelli e unghie, è diuretico ed energizzante, combatte depressione, stanchezza, anemia e stress

Cuocetelo in abbondante acqua salata per circa 25 minuti (o 15 in pentola a pressione) e utilizzatelo per sfromati, polpette, crocchette, insalate, zuppe…

Tra le mille, vi suggeriamo questa idea:

Miglio al forno

Una volta cotto il miglio,  si scola l’acqua rimasta e si lascia raffreddare su un foglio di carta da forno. Per questa ricetta, è consigliato cuocere molto bene il miglio, anche un pochino oltre al limite di cottura. Una volta intiepidito, si taglia il miglio compatto a riquadri della dimensione preferita e si cosparge con una salsina preparata con:

  • tahin
  • miso
  • cipollotto tagliato fine
  • acqua
  • Si infornano quindi i quadrati di miglio così preparati e si lasciano cuocere per circa 20 minuti, finché non diventano dorati.
Articolo precedente
La raccolta delle patate
Articolo successivo
Arvaia non va in vacanza…
Nessun risultato trovato.