Vita d’na vòlta

Per la serie Vita d’na vòlta“, i nostri contadini non dispongono ancora di una macchina imballatrice, ma s’ingegnano comunque ad usare la paglia dopo la trebbiatura per pacciamare i giovani frutti (disponendo la paglia attorno alla piantina si evita la crescita di infestanti e si mantiene fresco e umido il terreno) raccogliendola… con rastrello e forcone, proprio come tanto tanto tempo fa… utilizzando un materiale naturale, che una volta decomposto arricchirà la terra, di cui disponiamo gratis in abbondanza e di cui ci dobbiamo liberare perché purtroppo in quantità troppo grandi rischia di marcire danneggiando il terreno piuttosto che migliorarlo

Articolo precedente
Arvaia buongustaia: Grano saraceno
Articolo successivo
La raccolta delle patate
Nessun risultato trovato.