Arvaia buongustaia: Aioli

In distribuzione state ricevendo il raccolto di aglio di quest’anno. E’ molto (ma lo sarebbe in un mondo in cui se manca qualcosa non c’è il supermercato sotto casa aperto tutto il giorno?) ma niente panico: ben secco, a temperatura ambiente e al riparo dall’umidità, preferibilmente al buio, si conserva per diversi mesi. E’ vero che non a tutti è gradito (e soprattutto non da tutti digerito…) ma è davvero ricco di proprieà benefiche: l’allicina, il principio attivo con cui la pianta si protegge dai parassiti, è un potente antibatterico naturale utile in caso di gastroenteriti, raffreddore e mal di gola. Basta masticarne un pezzettino per permettere all’allicina di attivarsi e sopportare con pazienza pizzicore e cattivo odore.
Ma se proprio l’antico rimedio non vi convince, potete sempre usarlo come antiparassitario per le vostre piante: macerato caccerà gli afidi e interrato vicino alle radici terrà lontano altri parassiti.

Chi ne ama l’uso in cucina non ha che da sbizzarirsi. Un classico da provare almeno una volta nella vita è l’Aioli:

Eccovi gli ingredienti per circa 300 grammi di salsa:

  • 5 spicchi di aglio
  • 3 uova (di cui andranno utilizzati solo i tuorli)
  • 300-500 ml di olio extravergine di oliva
  • 1 limone (di cui andrà utilizzato solo il succo)
  • sale e pepe bianco q.b.
  • preparare un solo uovo sodo e separare il tuorlo, lasciando da parte l’albume, poi premere il succo di limone e metterlo momentaneamente da parte.
  • Procedete ora pulendo gli spicchi d’aglio, a cui vanno eliminati sia la veste esterna che il germe interno, sminuzzateli e uniteli al sale pestando il tutto nel mortaio o, in alternativa, frullando tutto con l’aggiunta in tal caso anche di un cucchiaio di olio. Attenzione: occorre comunque ottenere un impasto cremoso abbastanza denso e omogeneo.
  • Mettete tutto all’interno del bicchiere del frullatore (il pesto di aglio insieme ai soli tuorli delle altre due uova), avendo cura di usare tutti gli ingredienti a temperatura ambiente per evitare che la salsa impazzisca.
  • Frullate il tutto a velocità minima aggiungendo gradualmente l’olio con cui potete ottenere un composto denso, con una consistenza simile a quella della maionese.
  • Unite poi anche il succo di limone insieme al tuorlo dell’uovo sodo precedentemente preparato: frullate nuovamente e aggiustate con sale e pepe in base ai propri gusti.
  • La salsa così ottenuta può essere riposta in una ciotola o in un barattolo di vetro e conservata in frigo fino ad un massimo di 6-7 giorni

    Con gli ottimi cetrioli che crescono in campo e un po’ di yoguth greco un altro classico estivo è lo tzaziki (se chiedete indicazioni, in campo ad Arvaia trovate anche dell’ottima menta da usare fresca o seccare):

  • Tagliate a pezzettini fini il cetriolo e sgocciolatelo bene.
  • Mettete il cetriolo in un recipiente, aggiungete l’aglio e la menta e mescolate.
  • Aggiungete lo yogurt e sale e pepe a volontà.
Articolo precedente
Gli amici delle csa italiane
Articolo successivo
Tempo di raccolto, si comincia
Nessun risultato trovato.