C’è campo

Pioggia, neve, temperature polari… l’ultima parte dell’inverno non si sta facendo mancare nulla. E se la pioggia è stata benedetta dopo un’annata estremamente siccitosa, e se la neve ancor di più perché ci auguriamo che sciolga lentamente e dolcemente in montagna ricaricando le falde, le basse temperature stanno mettendo a rischio le colture primaverili, in particolare le piccole lattughe appena trapiantate. Coperte con due strati di tessuto sintetico, ce la faranno? in campo le fave piantate in autunno e già grandi è quasi certo che non sopravviveranno al gelo… In generale tutte le colture programmate sono in ritardo, i prossimi trapianti sono stati posticipati e il terreno è troppo bagnato per essere lavorato. Prepariamoci a qualche settimana di relativa penuria, come d’altronde è normale che sia tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, e a pazientare un po’ più del solito per gustare le primizie.

Articolo precedente
Arvaia buongustaia
Articolo successivo
Si prepara una primavera piena di novità ad Arvaia
Nessun risultato trovato.