Arvaia buongustaia

Ultimo nuovo ingresso dell’inverno il cavolo rapa! Lo sapete che si tratta in realtà del rigofiamento dello stelo di una pianta che nasce dall’incrocio delle antiche rape e cavoli selvatici?

Crudo, grattugiato o tagliato col pelapatate e aggiunto alle insalate, è un’ottima fonte di vitamina c, potassio, magnesio e rame.
Se volete cuocerlo si presta a moltissime preparazioni, al forno, gratinato, nelle zuppe (dove potrete aggiungere anche le foglie tagliate sottili sottili).
Tondo e croccante, può essere gustoso anche ripieno:
Ingredienti: 2 cavoli rapa, 1 cipolla, aglio, 12 olive nere, pinoli, mandorle, semi di girasole, prezzemolo, feta, parmigiano, sale, pepe

Spellate i cavoli rape e cucinateli in acqua salata per 10 minuti. In una casseruola, rosolate in due cucchiai di olio la cipolla, l’aglio e unite gli altri ingredienti.
Tagliate i cavoli rape in metà e svuotateli da un lato. Unite la parte interna dei cavoli alcomposto preparato. Mescolate molto bene il tutto e riempite i cavoli rape.
Sistemateli in una teglia imburrata insieme a qualche ricciolo di burro e infornate per 15 minuti a 180 gradi.

Articolo precedente
Agricoltura sostenibile in pillole
Articolo successivo
C’è campo
Nessun risultato trovato.