Un anno con Arvaia

Il lungo e complesso processo di partecipazione per immaginare nuove attività da svolgere nei terreni che abbiamo in gestione e la nostra nuova sede, tutta da costruire; la progettazione e l’inizio dei lavori per l’impianto del frutteto, la festa per il compleanno di Arvaia e le altre occasioni conviviali, il lavoro di trapianto, tutto manuale, di migliaia e migliaia di piantine in un’estate caldissima, il recinto per proteggerci dalle lepri e dai pesantisssimi danni che le graziose bestiole, indifese e adorabili peraltro, sono in grado di fare in una notte, il primo nucleo di un piccolo bosco… anche noi proviamo a riavvolgere il nastro dell’anno appena trascorso, e ciascuno forse avrà la sua personale galleria di immagini dell’anno appena trascorso con Arvaia…

un ultimo piccolo sforzo, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i soci per dare una mano nella cattura delle lepri (prevista sempre in questa stagione) in modo da poter affrontare la primavera e l’estate che verranno un po’ più sereni… Ci vediamo alle 8,30 di giovedì 21 dicembre e possiamo festeggiare il solstizio d’inverno con una passeggiata salutare nei campi per spingere le lepri verso le reti in cui rimarranno impigliate. Ricordiamo a tutti che non è Arvaia, i cui terreni si trovano in un’area di ripopolamento, a scegliere né modalità né date della cattura, che è in capo alle guardie venatorie, e che si svolge ogni anno nel quadro dell’attività venatoria previsa dalla legge. Non abbiamo nessuna responsabilità e nessun controllo sulla sorte degli animali, possiamo solo sperare che non entrino nell’area che abbiamo appositamente recintato, e aiutare a farle uscire dai nostri campi!

Articolo precedente
Buoni propositi per l’anno nuovo
Articolo successivo
Appuntamento al campo il 15 gennaio
Nessun risultato trovato.