Facciamo festa con Arvaia buongustaia!

Qualche ricetta che riassume dei classici e propone qualche novità per le feste

BURGER DI CAVOLI E MIGLIO

Ingredienti:
500 g di cavolo verza cotto (si può usare anche il cappuccio, il kyle, broccolo e cavolfiori, insomma fate voi…) 600 g di miglio cotto, 100 g di Parmigiano grattugiato, 1 uovo, 60 gr di fontina a fette, prezzemolo fresco, sale q.b (facoltativo), pepe nero q.b.

Procedimento:
Mettere in una ciotola il cavolo verza cotto ( sbollentare per circa 5 minuti a pezzi grossolani , scolare e strizzare)  che deve essere tritato finemente.
Aggiungere il miglio cotto e sgranato (bastano 10 minuti il resto cuocerà in forno) , il Parmigiano, il prezzemolo tritato, l’uovo, il sale e un poco di pepe nero.
Mescolare bene gli ingredienti e formate i burger, disporre in una teglia foderata con carta forno e fare cuocere in forno preriscaldato a 200° per 15 minuti, negli ultimi 5 minuti mettere a grill e aggiungere per ogni burger la fetta di fontina a dorare.

 

ZUPPA CON ORZO E ZUCCA AL TRITO DI MANDORLE

Ingredienti:
500 gr zucca (Butternut o violina), 200 gr orzo mondo (ammollo 24 ore), 30 gr burro, 20 gr di olio Evo,  q.b. brodo vegetale, 1 sedano (gambi del sedano rapa), Pane raffermo sbriciolato e mandorle 60 gr, 1 cipolla, Parmigiano (facoltativo), pepe, timo, sale.

Procedimento:
Togliere la scorza alla zucca, eliminare la parte con semi e filamenti e tagliare la polpa a dadini piuttosto piccoli, zucca consigliata la Butternut o la violina, non usare la napoletana.
Privare il sedano degli eventuali filamenti, spellare la cipolla e tritate fini tutte e  due le verdure.
Sciacquare l’orzo (già ammollato per 24 ore) in  acqua fredda, sgocciolare e fare insaporire e tostare leggermente in una casseruola con il burro e l’olio evo. Aggiungere la zucca, tutte le altre verdure tritate e bagnare con 2 litri di brodo caldo. Coprire, portare ad ebollizione, abbassare la fiamma e cuocere per mezz’ora quarantacinque minuti, dipenderà dal grado di cottura del orzo, si consiglia di assaggiare per verificare la consistenza. Regolare di sale, e pepe e cuocere per altri 15 minuti a recipiente scoperto, perché il brodo si asciughi.
Tritare il pane e le mandorle, rosolare in un padellino antiaderente con pochissimo olio, unire il timo e spegnere. Servire la zuppa calda con il trito di pane mandorle e timo. Facoltativa secondo il gusto una spolverata di parmigiano reggiano grattugiato.

CREN DI RAPA VIOLETTA

Ingredienti:
rapa violetta, zenzero, aglio, olio di semi/olio di oliva, aceto.

Procedimento:
Grattugiare la rapa e strizzare un po’ dell’acqua in eccesso. Mettere insieme nel bicchiere del frullatore la rapa strizzata, aglio, zenzero, un cucchiaio di aceto, il sale, un po’ di olio e iniziare a frullare con il minipymer continuando a versare l’olio a filo finché non si ottiene un’emulsione dall’aspetto cremoso, può essere usata per accompagnare carne e verdure ma anche da sola su una bruschetta.

RVIOLI  DI BARBABIETOLA ROSSA

  • 280 g di farina di semola
  • 180 g di barbabietola cotta e frullata
  • 3 patate medie
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 rametto di salvia
  • olio extra vergine di oliva
In una ciotola unite la farina e la barbabietola e mescolate fino ad ottenere un impasto lavorabile con le mani. Impastate per una decina di minuti fino a quando l’impasto non sarà completamente liscio e omogeneo. Con le mani formate un panetto e avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare per circa 15 minuti a temperatura ambiente.

Mentre la pasta riposa, potete preparare il ripieno di patate. Mondate e sbucciate le patate, poi tagliatele a cubetti uniformi. Prendete una padella e mettetela sul fuoco con un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e la salvia tritata e fate soffriggere il tutto: a questo punto mettete le patate in padella e salate, mescolate bene e coprite, tenendo la fiamma vivace. Passato qualche minuto girate le patate: dovranno formare una leggera crosticina, abbassate la fiamma, ricoprite e terminate la cottura girando di tanto in tanto. Ci vorranno circa 15 minuti.

Spolverizzate di farina il piano di lavoro e con il mattarello, stendete la pasta con delicatezza: lo spessore ideale è di un 1 mm. Posizionate un cucchiaino di ripieno a 3 cm di distanza l’uno dall’altro fino a riempire la pasta stesa per metà, spennellate i bordi con un pennello da cucina bagnato in modo tale che, quando piegherete l’altra metà della sfoglia sopra rimarrà più facilmente attaccata. Fate fuoriuscire l’aria tra un raviolo e l’altro, pressando intorno al ripieno con le dita, in modo tale da evitare che in cottura si aprano facendo fuoriuscire il ripieno e con lo stampino formate i vostri ravioli. Se non doveste avere lo stampino, potrete utilizzare una rotella per tagliare la pasta.

Quando l’acqua inizierà a bollire, salate l’acqua e cuocete i ravioli per una decina di minuti. Nel frattempo preparate il condimento: in una padella fate soffriggere l’aglio con l’olio extravergine d’oliva e la salvia che avrete precedentemente tritato finemente, per qualche minuto. Dopo aver scolato la pasta, saltatela in padella con il condimento per un minuto.

in arrivo questa settimana Indivia scarola, cavolini di Bruxelles, e poi da ora in poi, a settimane alterne, cavolo cappuccio rosso, bianco e verza,

Buone Feste e Buon Anno un abbraccio a tutti i soci di Arvaia

Articolo precedente
Anche la distribuzione della verdura e la newsletter faranno festa
Articolo successivo
Buoni propositi per l’anno nuovo
Nessun risultato trovato.