Venite a farvi i cavoli nostri? Perché sono anche i vostri!

Domenica 29 ottobre sarà tempo di una festa del cavolo. In Emilia e nel Bolognese infatti ci sono costumanze autunnali soprattutto con castagne e maiali, ma queste due specie ancora non ruzzolano e non razzolano presso i nostri campi. Per cui perché non fondare noi stessi una tradizione nuova? Ecco allora i broccoli, i cavolfiori, i cappucci, le verze, il cavolo nero, quello riccio e il fiolaro.
Poi ovviamente condiremo con zucche e sì, anche castagne, ma intanto saranno cavoli per tutti.
Non sarà poi una festa solo orticolo-gastronomica: ti invitiamo a partecipare al 
Grande gioco a premi, un agone più o meno agricolo, a tappe, per grandi e per piccini con prove da superare in squadra. Si vincerà un cavolo? Chissà.

E per finire in bellezza, musica folkloristica dal vivo e balli popolari con gli Sparguié.
Il contributo per coprire le spese sarà di 10 euro per i grandi, 5 per i bambini dai 5 ai 12 anni, 0 (zero) per i bimbi ancora più piccoli.
È 
fondamentale che ci segnaliate la vostra presenza, perché dobbiamo stabilire il numero di squadre e la quantità di cibo da preparare: scrivete a eventi@arvaia.it, se non volete restare da soli in un angolo, digiuni o con il panino da casa.

Articolo precedente
C’è campo
Articolo successivo
Agricoltura sostenibile in pillole
Nessun risultato trovato.