C’è campo

Abbiamo seminato il sovescio, e in attesa delle prossime piogge cerchiamo di allontanare in ogni modo i piccioni che ne sono ghiotti. Il sovescio infatti è una coltura seminata allo scopo di arricchire e nutrire i campi, prima delle semine o dei trapianti successivi ed è composta in genere da cereali come l’orzo e da legumi da foraggio come il favino e la veccia, cioè legumi meno appetitosi (ma per nulla disprezzabili) dei loro cugini preferiti per l’alimentazione umana come la fava e il pisello, molto amati dagli uccelli e in particolare dai piccioni che se il terreno è secco non hanno nessuna difficoltà a beccarli uno per uno perché restano in superficie…

Questa settimana gli ultimi trapianti della stagione: cavolo rapa e scarola; poi verrà il tempo delle semine autunnali, cereali, piselli fave e aglio, e poi ancora quello delle raccolte e del riposo fino all’inizio della primavera.

Le piante di fagiolino rampicante, complici le giornate di sole quasi estivo e le temperature ora perfette per questa bella pianta dai fiori delicati, stanno continuando a produrre oltre le nostre possibilità di raccolta… se volete farne scorta per l’inverno (sbollentati in un acqua leggermente salata possono poi essere facilmente conservati in freezer) potete venire a spigolarli, poi vi spiegheremo come darci una mano a ripulire le reti che li sostengono e che andranno smontate e riposte.

Articolo precedente
Agricoltura sostenibile in pillole
Articolo successivo
Venite a farvi i cavoli nostri? Perché sono anche i vostri!
Nessun risultato trovato.