Regala Arvaia!

REGALA ARVAIA

Metti che devi fare un regalo a un’amico o un’amica.

E metti magari che ti piacerebbe che l’amico/a conoscesse Arvaia e partecipasse alla nostra comunità che sostiene l’agricoltura…

Che cosa meglio che fargliene assaggiare un pezzetto?
Se stai cercando un’idea regalo, perché piuttosto non regali un’idea?

Da oggi puoi acquistare un buono di Arvaia e regalarlo a chi vuoi.
Disponibile in tre tagli: 10, 20 e 40 euro.
Il possessore del buono potrà convertirlo in prodotti dei nostri campi, freschi e trasformati, secondo le modalità 
che gli verranno indicate dalla nostra area distribuzione.

Eppoi… Il buono è già di per sé un bel regalo. Perché è una tessera biodegradabile di fibra di cocco e lattice naturale che contiene semi di calendulaUna pianta rusticissima di cui non smettiamo mai di ammirare le generose fioriture, che si protraggono da maggio a ottobre, e di enumerare le prioprietà: lenitive, antiinfiammatorie… E’ anche buona: provate fiori ininsalata…
Se si interra in un vaso la tessera e la si innaffia, i semi germoglieranno e assieme a loro germoglierà l’amore per la terra e il desiderio di associarsi ad una comunità che supporta l’agricoltura.
La tessera è avvolta da una fascetta di carta riciclata dove è riportato un codice univoco e alcune istruzioni. Quella non bisogna interrarla: bisogna portarla al campo.

Per acquistare il buono “Regala Arvaia”, ordinalo attraverso Baccello (così come fai le tue ordinazioni di solito, accedendo con le tue credenziali – se le hai dimenticate richiedile a soci@arvaia.itoppure scrivendo a distribuzione@arvaia.com.
Lo potrai poi ritirare al campo in via Olmetola 16, dove sarà registrato e marcato con un codice unico. 
Questo codice servirà a chi riceve il regalo per poterlo ritirare sotto forma di prodotti tarsformati di Arvaia o di ortaggi freschi disponibili in quel momento dell’anno.
Anche in versione “natalizia”… andiamo, qualche regalo di Natale lo facciamo tuti…

Tutte le info utili scrivendo a distribuzione@arvaia.it

Articolo precedente
C’è campo
Articolo successivo
Arvaia buongustaia:
Menu