C’è campo

Martedì 18 luglio a partire dalle ore 17 e in previsione del completamento della recinzione, ci troviamo al campo per allontanare il più possibile le lepri presenti, correndo, urlando e facendo rumore… più siamo e meglio perché più capillare e intensa sarà la nostra azione, da cui dipende il risparmio di un bel po’ di fatica, di ore di lavoro, di piantine di rimpiazzo e la buona riuscita di alcune coltivazioni.

Proseguono i trapianti, mentre la raccolta del pomodoro da salsa comincerà l’ultima settimana di luglio.

Abbiamo terminato il raccolto delle patate, più di 25 quintali quelle che conserveremo fino a primavera, mentre le patate tagliate dalla macchina, rovinate ma ancora commestibili, troppo piccole saranno distribuite durante la prossima settimana per il consumo immediato. Non snobbate le patatine piccine, che hanno una buccia sottile sottile e possono essere cotte così come sono, senza sbucciarle, al forno e sono deliziose!

Le patate, ricche di amidi e vitamine, sono un alimento “povero” ma più completo e nutriente del mais tanto diffuso nelle nostre campagne a partire dal settecento, che, consumato in grande quantità e in assenza quasi totale di contorno provocava la pellagra, una malattia da carenza vitaminica. Introdotte in tutta Europa, ben acclimatate in climi un po’ più freddi e umidi del mediterraneo, come l’Irlanda, avevano risolto in gran parte il problema delle carestie ricorrenti con la loro forte produttività e rusticità. Divenuto il principale se non unico alimento dei lavoratori e dei poveracci in generale, se ne coltivava pressoché un’unica varietà, a partire dai tuberi dell’anno precedente (le piante di patate coltivate sono di fatto cloni della pianta madre). Quando, attorno alla metà dell’ottocento, una malattia sterminò le coltivazioni, tutte uguali e tutte ugualmente vulnerabili, si scatenò una carestia micidiale, con milioni di morti e un’impressionante ondata di migranti “economici” verso le sponde del nuovo mondo… Una storia ormai famosa e molto conosciuta, ma sempre utile a ricordarci l’importanza della biodiversità per la sicurezza alimentare…

Articolo precedente
Appuntamenti
Articolo successivo
Prodotti extra CSA
Nessun risultato trovato.